04 giugno 2017

Perché odio superficialità e humor onnivori

Scrivo questo articolo dopo una mini-discussione alla fine della quale, pur avendo io evitato di usare qualsivoglia espressione poco gentile, un utente Facebook che mi conosce dal vivo da molti anni mi ha detto

"sei di un'antipatia che non ti appartiene su FB".

Sulla mia antipatia o simpatia non ha gran senso argomentare, visto che ognuno ha i suoi gusti (e anche i suoi modi di interpretare le parole scritte in assenza di tono di voce).
Riguardo al quando e al dove, preciso che non è questione di Facebook. È questione dell'argomento di cui si sta parlando.

Finché si fanno discorsi da bar sul calcio, sulle modelle in TV o su altri argomenti che non rivoluzionano la vita di nessuno, niente di male.

Trovo invece potenzialmente nocivo, e quindi alla lunga credo di poter dire sicuramente nocivo, parlare in modo superficiale di argomenti che, magari poco alla volta, influenzano gli interlocutori sulle scelte di ogni giorno, come mangiare e bere, acquistare quello o quell'altro prodotto, o fare una qualunque altra scelta che ha un impatto importante sul mondo. Vale anche quando l'impatto è silente e suddiviso fra tante persone, e lavora come la goccia che scava la roccia. Con tante altre gocce che nel frattempo fanno la stessa cosa.

Riguardo una considerazione superficiale su un argomento importante potresti pensare "E che sarà mai... faceva tanto per parlare... non c'è da dargli peso".

Ma non è sempre così, secondo me. Spesso quello che viene fuori quando si parla tanto per parlare rivela molto di quello che c'è nella nostra testa, e rivela molto del modo in cui prendiamo decisioni che magari non ci sembrano importanti e che invece lo sono, specialmente se fanno parte della nostra routine.

Ecco perché provo fastidio quando qualcuno lancia accuse contro i vegani in generale (tipicamente con frasi che iniziano con "i vegani..." anziché "ho conosciuto alcuni vegani che..."), o fa battute umoristiche sulla sofferenza degli animali destinati ad essere cibo per gli umani.
Ad esempio l'utente di cui sopra poche ore fa ha scritto in un commento

"Le bugie degli ambientalisti sono un'indecenza, come del resto l'ipocrisia dei vegani".

Il commento finiva lì.

Io, che secondo la più comune accezione di "vegano" probabilmente posso dirmi tale, credo di esser stato ipocrita in passato, quando mangiavo carne sperando che provenisse da allevamenti non intensivi: mi sarebbe bastata qualche ricerca per sapere che nella "civiltà" in cui viviamo non è quasi mai così (e lo sai perché quando la carne proviene da un allevamento non intensivo il venditore se ne vanta urlandotelo nell'orecchio col megafono).
Adesso credo di poter dire che l'ipocrisia non è qualcosa che non appartiene a me. Appartiene alle persone che incentivano una realtà a cui essi stessi si dicono contrari quando hanno davanti agli occhi le relative raccapriccianti immagini, persone che per lavarsi la cosceinza ritengono sufficiente attribuire la totale colpa a qualcun altro quando evidentemente così non è ("eh, gli animali dovrebbero essere trattati meglio, su questo son d'accordissimo"... Ok, ma visto che per adesso non accade tu nel frattempo cosa fai, continui a premiare questa logica di mercato?)

Come risposta a un altro utente c'è stata poi un'integrazione al commento precedente con un'argomentazione che mi pare il triste risultato di un modo malato di pensare, purtroppo molto comune:

"L'ipocrisia sta nel fatto che non dovreste andare in macchina per non stiacciare i pappatacei, non dovreste zappare la terra per non smezzare i ragnoli ed i grillitalpa"

Il modo malato di pensare sta nel sostenere che siccome non si pretende di ottenere risultati perfetti allora, in nome della coerenza, si deve dire "A sto punto chissenefrega di tutto". È lo stesso meccanismo che fa dire "Ho acceso una sigaretta, quindi ho rotto la promessa che avevo fatto a me stesso di non fumare più... tanto vale ricominciare a fumarne un pacchetto intero".

A proposito di piccoli animali, in passato sono stato accusato di incoerenza perché ammazzo le zanzare, come se nello stile di vita vegano fosse proibito difendersi. Si potrebbe parlare di differenze di valori fra vegani, che non la pensano tutti allo stesso modo, o di quale sia la vera definizione di "vegano". Si potrebbe parlare di equilibrio fra difesa e fastidio, come accade fra umani. Si potrebbe parlare dei diritti delle creature che ci somigliano meno come ragni, piante, funghi e anche i sassi.
Ma per prima cosa, se davvero si è onesti intellettualmente e non si chiaccheira tanto per il gusto di criticarci a vicenda, se davvero si discute con l'intento di capire quale sia il prossimo passo da fare per comporarsi in modo migliore fin da oggi, allora cominciamo a parlare dalle creature che ci somigliano di più, e per le quali dunque è ovvio provare più empatia.

Mucche, maiali, conigli, e tutti gli altri mammiferi, così come gli uccelli, hanno un sistema nervoso simile al nostro (molto più che a quello di piccoli animali, che se sono inoffensivi e non troppo fastidiosi cerco pure di non ammazzare) e quindi di sicuro se imprigionati e praticamente torturati provano qualcosa di molto simile a quello che proveremmo noi in una situazione del genere, compresa la disperazione di una mamma allontanata troppo presto dal figlio e la disperazione del figlio allontanato troppo presto dalla mamma. Anche quando viene rispettata la legge vigente questi animali fanno una vita oribile; figuriamoci quando la legge viene violata, il che accade spessissimo per l'impossibilità di sufficienti controlli.

Di fronte ad alcuni servizi in TV o video su YouTube, guardando come vengono trattati gli animali, tante persone, onnivori compresi, si chiedono come sia possibile una crudeltà del genere.
La risposta non è da cercare chissà dove. Sta semplicemente nell'abitudine. Se inizi ad abituarti a fare qualcosa di crudele, andando avanti ti sembrerà sempre più normale. Se già fin da piccolo il tutto ti è stato presentato come normale, arrivi addirittura a dire che chi è contrario ha qualche rotella fuori posto, o a dire che chi cerca di non premiare mai la logica di mercato che c'è dietro è esagerato.
Del resto la malsana abitudine di trattare gli animali non essiterebbe se non ci fosse la malsana abitudine di essere esattamente i mandanti di tutto questo, e cioè l'abitudine di comprare e mangiare animali, latte e latticini (le uova e il miele sono gli unici prodotti animali che si possono produrre su larga scala senza crudeltà).
Quindi se sei un onnivoro e per una volta pensi a quei luoghi lontani da te e dal tuo frigorifero che sono gli allevamenti intensivi, chiedendoti "Com'è possibile che facciano tutto questo?", puoi trovare la risposta in una domanda che ti riguarda da vicino: "Com'è possibilie che tu accetti di essere il mandante di tutto questo?". Per abitudine.

Insomma, esistono due tremendi aspetti della versione più diffusa dell'onnivorismo:
  • Incentivare la crudeltà che viene perpetrata ogni giorno su creature che hanno sensazioni simili alle nostre
  • Essere abituati a farlo, magari fino al punto di mettere addirittura in cattiva luce chi non lo fa, ed esorcizzare la cosa parlando un tanto al chilo e facendo battute
Battute? E allora? Non si può neanche fare una battuta, adesso? E dai, ma una risata potrei farmela, ogni tanto, no?

No: non ho voglia di ridere su qualcosa di tanto, tanto brutto e doloroso, che sta avvenendo anche nel momento in cui stiamo parlando.
Pensa a un ipotetico dolore di una persona, ad esempio il dolore di un tuo amico che è stato ricoverato dopo esser stato ingiustamente malmenato da un delinquente. Puoi farci una battuta? Magari quando il dolore sarà passato sì. Se lo prendi in giro mentre ancora sta soffrendo è possibile che lui lo accetti e riesca a ridere con te perché magari ha un grande senso dell'umorismo, e in più sa che il dolore passerà fra non molto tempo, tipo 2 settimane o 2 mesi. Ma è anche possibile che non la prenda bene, specialmente se il dolore è forte. In particolare è molto, molto probabile che non sia buona cosa dire una battuta su di lui a una terza persona che gli vuole bene, e dirgliela nello stesso momento in cui lui sta piangendo dal dolore. Anche se questa persona di solito è gentile con te, la sua reazione potrebbe farti affrettatamente dedurre che "in ospedale è di un'antipatia che non gli appartiene". Stessa cosa vale se invece di una battuta spiritosa lanci una infondata illazione su una responsabilità che evidentemente non aveva, tipo "Mah, se l'hanno picchiato qualcosa di sbagliato avrà fatto".

Analogamente, nel caso della tratta degli animali così come la vediamo oggi:
- Non vedo una fine vicina; purtroppo verosimilmente la cosa continuerà ancora per molti anni
- Si tratta di sofferenze molto grandi
- Non sono sofferenze che riguardano direttamente me, ma altre creature, e se potessi chieder loro se è accettabile fare battute sulla loro situazione credo proprio la risposta sarebbe "no"

- Le patetiche argomentazioni onnivore del tipo "le piante soffrono", "camminando ammazzi le formiche" sono evidenti pretesti per non voler cambiare

Ecco cosa mi rende intollerante a battute umoristiche o discorsi superficiali e buttati là senza argomentazioni o con argomentazioni altrettanto stupide, specialmente quando contengono accuse nei confronti miei o in generale nei confronti di chi cerca di comportarsi meglio possibile.

Ti è piaciuto questo articolo? Amerai quelli di Psicoperformance!
Clicca qui e visita Psicoperformance.com

Nessun commento:

Posta un commento

--- IMPORTANTE --- Per evitare spam ed eccesso di spazzatura stupidiota, i commenti sono soggetti a moderazione, quindi non compaiono immediatamente il loro invio. Se non vuoi inserire il tuo nome anagrafico, usa un nick; se non sai come fare clicca in alto su "COME COMMENTARE". Mi riservo di non approvare commenti di utenti che compaiono come "Anonimo", perché questo potrebbe generare confusione in caso di più utenti anonimi.

Fai parte di TimeRepublik?

Se hai trovato utili o interessanti i miei articoli...